Informativa

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per la pubblicità e alcuni servizi. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando su "Accetto" acconsenti all'uso dei cookie.



\speed=20

Scheda audiolibro:

La banalità del male: Eichmann a Gerusalemme di Arendt Hannah

DALLA SECONDA DI COPERTINA:

Otto Adolf Eichmann, catturato in un sobborgo di Buenos Aires la sera dell'11 maggio 1960, trasportato in Israele nove giorni dopo in aereo e tradotto dinanzi al Tribunale distrettuale di Gerusalemme l'11 aprile 1961, doveva rispondere di quindici imputazioni, avendo commesso, "in concorso con altri", crimini contro il popolo ebraico, crimini contro l'umanità e crimini di guerra sotto il regime nazista, in particolare durante la Seconda guerra mondiale. Hannah Arendt va a Gerusalemme come inviata del "New Yorker". Assiste al dibattimento in aula e negli articoli scritti per il giornale sviscera i problemi morali, politici e giuridici che stanno dietro al caso Eichmann. Ne nasce un libro scomodo: pone le domande che non avremmo mai voluto porci, dà risposte che non hanno la rassicurante certezza di un facile manicheismo. Il Male che Eichmann incarna appare alla Arendt "banale", e perciò tanto più terribile, perché i suoi servitori più o meno consapevoli non sono che piccoli, grigi burocrati. I macellai di questo secolo non hanno la "grandezza" dei demoni: sono dei tecnici, si somigliano e ci somigliano.


Non sono presenti valutazioni
Non sono disponibili commenti.
TITOLO: "La banalità del male: Eichmann a Gerusalemme"
AUTORE: Arendt Hannah
CATEGORIA: Saggistica
SOTTOCATEGORIA: Storia - Politica - Attualità
EDITORE: Feltrinelli
LETTO DA: Benedetti Silvia
LINGUA: Italiano
CODICE: 510835
CODICE ISBN: n.c.
VISUALIZZAZIONI: 206
ANNO: 1964
NOTE:

Supporti disponibili

Tipo

Numero supporti

Stato

Azioni

MP3 28 tracce disponibileScarica MP3
Ascolta MP3







Tutti i diritti sono riservati - 2010 - Libro Parlato Lions
Powered by 4mmg