\speed=20

Raggiunto un grande e nuovo traguardo

Pubblicata il 26/10/16

Il progetto è stato pensato non solo per disabili e anziani che fanno fatica a leggere e che possono trovare in un libro un po' di compagnia o un lieto diversivo durante i giorni di ricovero, ma anche per i pazienti non vedenti, ipovedenti e dislessici.

"Il progetto è  già attivo in diverse residenze per anziani della Provincia di Bergamo e nell' Hospice di Borgopalazzo- ha spiegato Carlo Nicora, direttore generale dell' ASST Papa Giovanni XXIII . Ora grazie ai Lions, nostri partner in tante iniziative , è arrivato per la prima volta anche in un reparto per acuti. E' un ulteriore servizio che diamo ai nostri pazienti per offrire un luogo di cura sempre più vicino alle loro esigenze, che non sono solo  quelle legate alla loro malattia."

" La maggioranza dei nostri pazienti ha più patologie concomitanti, e' anziana, fragile e spesso anche molto sola - ha proseguito Antonio Brucato, direttore dell'Unità di Medicina interna del Papà Giovanni  XXIII. Per queste persone leggere può essere difficile anche solo per la difficoltà fisica di tenere in mano un libro da soli,  ascoltare invece è un' attività che può essere fatta in autonomia, senza sforzi, e può regalare momenti di serenità utile in ogni processo di cura"

 


Vai all'archivio: Ultime News

Tutti i diritti sono riservati - 2010 - Libro Parlato Lions
Powered by 4mmg